Ekovir 800 Aciclovir

4,80

Fabbricante: John Lee
Sostanza: Aciclovir
Pacchetto: 800 mg/tab. (5 tab.)

COD: 674 Categorie: , Tag:

Descrizione

DESCRIZIONE

L’aciclovir è un analogo sintetico nucleosidico attivo contro gli herpesvirus. Le compresse di Acyclovir sono formulazioni di un farmaco antivirale per somministrazione orale.

Ogni compressa da 800 mg di aciclovir contiene 800 mg di aciclovir e gli ingredienti inattivi amido di mais, cellulosa microcristallina, magnesio stearato e sodio amido glicolato.

Ogni compressa da 400 mg di acyclovir contiene 400 mg di aciclovir e gli ingredienti inattivi amido di mais, cellulosa microcristallina, magnesio stearato e sodio amido glicolato.

L’aciclovir è una polvere cristallina bianca con la formula molecolare C 8H 11N 5O 3 e un peso molecolare di 225. La massima solubilità in acqua a 37 ° C è di 2,5 mg / ml. I pka di acyclovir sono 2.27 e 9.25.

Il nome chimico di acyclovir è 6 H-purin-6-one, 2-amino-1,9-diidro-9 – [(2-idrossietossi) metile]; ha la seguente formula strutturale:

VIROLOGIA

Meccanismo di azione antivirale

L’aciclovir è un analogo nucleosidico purinico sintetico con attività inibitoria in vitro e in vivo nei confronti di virus herpes simplex di tipo 1 (HSV-1), 2 (HSV-2) e virus della varicella-zoster (VZV). L’attività inibitoria dell’aciclovir è altamente selettiva a causa della sua affinità con l’enzima timidina chinasi (TK) codificata da HSV e VZV. Questo enzima virale converte l’aciclovir in monofosfato di aciclovir, un analogo nucleotidico. Il monofosfato viene ulteriormente convertito in difosfato dalla guanilato chinasi cellulare e in trifosfato da un certo numero di enzimi cellulari. In vitro, l’aciclovir trifosfato impedisce la replicazione del DNA virale dell’herpes. Questo si realizza in 3 modi: 1) inibizione competitiva della DNA polimerasi virale, 2) incorporazione e terminazione della catena del DNA virale in crescita e 3) inattivazione della DNA polimerasi virale. La maggiore attività antivirale di acyclovir contro HSV rispetto a VZV è dovuta alla sua più efficiente fosforilazione da parte della TK virale.

Attività antivirali

La relazione quantitativa tra la suscettibilità in vitro dei virus dell’herpes agli antivirali e la risposta clinica alla terapia non è stata stabilita negli esseri umani e il test di sensibilità del virus non è stato standardizzato. I risultati dei test di sensibilità, espressi come concentrazione di farmaco necessaria per inibire del 50% la crescita del virus nella coltura cellulare (IC 50), variano notevolmente a seconda di un numero di fattori. Utilizzando saggi di riduzione della placca, l’IC50 contro gli isolati del virus dell’herpes simplex varia da 0,02 a 13,5 mcg / mL per HSV-1 e da 0,01 a 9,9 mcg / mL per HSV-2. L’IC 50 per l’aciclovir rispetto alla maggior parte dei ceppi di laboratorio e agli isolati clinici di VZV varia da 0,12 a 10,8 mcg / mL. L’aciclovir dimostra anche attività contro il ceppo vaccinale Oka di VZV con un IC 50 medio di 1,35 mcg / mL.

Resistenza ai farmaci

La resistenza di HSV e VZV all’aciclovir può derivare da cambiamenti qualitativi e quantitativi nella TK virale e / o DNA polimerasi. Gli isolati clinici di HSV e VZV con suscettibilità ridotta ad aciclovir sono stati recuperati da pazienti immunocompromessi, in particolare con infezione da HIV avanzata. Mentre la maggior parte dei mutanti resistenti agli acyclovir isolati finora dai pazienti immunocompromessi sono risultati essere mutanti carenti di TK, sono stati isolati altri mutanti che coinvolgono il gene virale TK (TK parziale e TK alterato) e DNA polimerasi. I mutanti TK-negativi possono causare gravi malattie nei neonati e negli adulti immunocompromessi. La possibilità di una resistenza virale all’aciclovir deve essere presa in considerazione nei pazienti che mostrano scarsa risposta clinica durante la terapia.